Nel mio giardino

giardino

mie foto

 

Il mio giardino è abbastanza grande. Da quando i miei genitori hanno costruito la loro casa in questo pezzo di terra, circa sessant’anni fa, di piante ne abbiamo sostituite molte, anche perché il nostro è un terreno alluvionale, ai margini delle zone delle risorgive e quando si scavano pochi metri si trova l’acqua. Quando le radici delle piante arrivano all’acqua le piante muoiono in breve tempo.

Abbiamo avuto grandi salici piangenti, cipressi ed abeti, tuie, mandorli, noci e molte altre piante da frutto di ogni genere, compatibili con il nostro clima.

Delle piante di sessant’anni fa, sono rimaste solo un vecchio fico, un pero, una vite, una grande magnolia, un caco, un abete, un cipresso e un bagolaro.

piante gemelle

mie foto      bagolaro e dietro il cipresso

Tutte le altre piante sono state, ostinatamente, sostituite una, due, anche tre volte.

Il cipresso fu piantato da mio padre mentre il bagolaro nacque spontaneamente e crebbe vicino al cipresso, abbracciato al cipresso, quasi intrecciato ad esso. I rami di uno penetrano nel tronco dell’altro, le loro radici superficiali si intrecciano ai loro piedi.

cipresso e bagolaro

mie foto     bagolaro e cipresso

Io li considero come due gemelli e li mostro, con orgoglio, ai nostri ospiti. Ormai hanno superato i quindici metri di altezza e sono il ricettacolo di tutti gli uccelli che frequentano il nostro giardino, soprattutto in autunno quando le bacche del bagolaro sono mature e attirano stormi di stornelli.

Quando siamo costretti a tagliare un albero e non possiamo estirpare il ceppo con le radici, mettiamo sul tronco tagliato una grande ciotola e la riempiamo di terra nella quale piantiamo fiori che allietano le nostre estati.

 

Annunci

40 pensieri su “Nel mio giardino

    • Il prato è molto più rustico di quanto sembri e dietro le piante, al centro c’è una distesa di fagioli borlotti in crescita. Dopo il raccolto seminiamo radicchi invernali al loro posto. L’orto invece non si vede in questa foto.

      Liked by 1 persona

      • Il terreno che circonda la casa, che è comunicante con la vecchia casa dei miei genitori, è di duemila metri quadri, per l’orto abbiamo ricavato una larga striscia di sei metri per venti circa, tutta sul lato a est del terreno, così diventa più facile tenerlo in ordine.

        Liked by 1 persona

      • Bellissimo Neda. Un grande spazio organizzato. Noi purtroppo abbiamo comprato una casa con giardino già piantumato e non abbiamo nemmeno preso in considerazione l’ipotesi di eliminare delle piante. Adesso sono tutte adulte e coprono tutto. Ce le teniamo come sono. Piezz’ o core. ❤

        Liked by 1 persona

      • I miei genitori, invece, avevano comperato, negli anni cinquanta, un ettaro di terreno a margini del paese, poi avevano costruito la casa e, a causa di certe vicissitudini, parte del terreno è stato poi venduto. In seguito, mio marito ed io abbiamo costruito la nostra casa dietro quella dei miei genitori, comunicante internamente con la loro. Ora che non ci sono più è mio marito che sfoga la sia passione nel frutteto e nell’orto.

        Liked by 2 people

  1. Neda e’ bellissimo, immagino quanto lavoro per tenerlo cosi’ pulito, complimenti, il prato e’ stupendo e mi piacciono tanto le tue piante, noi il fico l’abbiamo tagliato perche’ non dava piu’ frutti buoni, ti abbraccio tanto, buonanotte e buon mese di febbraio, ❤

    Liked by 1 persona

  2. “Gli alberi a cui tendevi la pargoletta mano”
    i loro frutti, i bianco-rossi fiori,
    @Nedina cara … sono ormai lontano,
    nel tempo arcano dei perduti amori .
    😐
    Ma altri ne verràn per te ancora
    per far rinascer viva la Memoria,
    per addolcìr la vita ‘ora per ora’
    per rivestìr di fiaba’ la tua Storia !
    🙂
    “Dans ton coer il fleuriràs tout-jour
    au grand jardin de l’ amour
    petit … petit … PETIT FLEUR” !
    😀

    Liked by 1 persona

  3. Hai un giardino bellissimo, un autentico spettacolo per gli occhi e, ne sono certo, anche per i profumi che la natura generosamente offre. Sarà senza dubbio un impegno, coltivarlo. Ma è un impegno che ripaga magnificamente.
    Un sorriso per la nuova settimana.
    ^____^

    Liked by 1 persona

    • Grazie mille, conosco la melodia ed è molto bella.
      A proposito, era una delle melodie che preferivo nelle poche volte in cui, da giovane, accettavo di ballare.
      Buona serata.

      Mi piace

      • Sì … me le ricordo bene, quelle atmosfere magiche a casa di amici, quando – con i genitori assenti – si abbassavano le luci della sala e si metteva sul pick-up quel celestiale disco di @Bechèt …. E, non appena la sua voce sussurrava … “si le fleur un matin se fanèe sur le marchais du palais …. Je garderais on coer … ” ! Allora io mi alzavo dalla poltrona, appoggiavo il bicchiere di whisky sul tavolinetto, mi ravvivavo i capelli ribelli … e, aggiustandomi la cravatta, mi dirigevo da te … e ti dicevo : “Signorina @Neda …. mi concede questo ballo” ???

        Liked by 1 persona

  4. Prosegue il sogno ( ma mica tanto sogno poi … chissà ??? ) :
    Sig.na @Neda :
    “Volentieri … ma io non sono molto brava a … ” !
    @CavaliereErrante :
    ” Sì, ti guiderò io @Nedina – e mentre, al suono del sax ( le luci ora … sono state spente del tutto, ma i suoi occhi … ahi i suoi occhi, COME BRILLANO SOTTO I BAGLIORI DELLA LUNA ), la voce magica di @Berchè sussurra “Je garderais le petit fleur blu d’ otrefois s’ allumèe dans ton yeux” – ed anche se Tu, poichè sei piccolina ed io invece son alto 190 cm., potresti smarrirti nel ballo … non preoccuparti minimamente, poichè io ti stringerò ‘forte forte’ a me, occhi negli occhi, cuore contro cuore …. e Tu diverrai più alta di me, fra le mie braccia” !!!
    Fuori il tempo s’ arresta … e sorridono benigne la Luna e le stelle ! 😀

    Liked by 1 persona

    • Già, tornerei bambina e, in alto sollevata, non toccherei più suolo, fra nuvole rapita.

      Si les fleurs
      qui bordent les chemins
      se fainaient toutes demain
      je garderais au coeur
      celle qui
      s’allumait dans tes yeux
      lorsque je t’aimais tant
      au pays merveileux
      de nos seize printemps.
      Petite fleur d’amour
      tu fleuriras toujours
      pour moi.
      Quand la vie
      par moment me trahit
      tu restes mon bonheur
      petite fleur.
      Sur mes vingt ans
      je m’arrête un moment
      pour respirer
      ce parfum que j’ai tant aimé.
      Dans mon coeur
      tu fleuriras toujour
      au grand jardin d’amour
      petite fleur…

      Writer(s): Fernand Lucien Bonifay, Sidney Joseph Bechet

      Mi piace

    • Oh sì che lo ricordo!
      Era il mio primo ballo ed io ero impacciata, ma languida e sognante, con gli occhi chiusi mi abbandonai alla melodia e volteggiai leggera,
      dimenticando astanti e turbamenti
      seguivo i passi tuoi e i tuoi insegnamenti.
      Ballammo nel salone, poi sulla terrazza, nel prato in fiore quindi sotto la luna piena e una brezza leggera ci scompigliò i capelli.
      Tu grande Cavalier, io piccola donzella, un sogno d’altri tempi, una leggiadra novella.

      Mi piace

  5. ❤ ❤ ❤
    Che gran Persona sei, @Nedina …. sì fu un piacere ballare con te, ‘stretti stretti’, ‘occhi dentro agli occhi’, ‘cuore battente contro cuore battente’, ‘sangue diventato unico’ … Non lo dimenticherò mai più !

    Liked by 1 persona

  6. Che meraviglia!!!!!
    Amo intensamente gli alberi pochi mesi fa mi sono battuta per salvare un albero cresciuto con me. Lui è un po’ più grande di me anagraficamente, e molto molto più alto di me 😀
    Qualcuno voleva letteralmente ammazzarlo ma… è sano e non si uccidono gli alberi perché gli aghi cascano nel terrazzo e sporcano il patio!
    Roba da folli eppure esiste anche questa umanità che non sa rispettare quanto di più bello ci ha donato la natura!!!
    Il mio albero preferito è il salice piangente!!!
    Un bacio

    Liked by 1 persona

    • Nel nostro giardino sono nate anche piante spontanee: aceri, sambuchi, olmi, un melograno e l’anno scorso ho scoperto una piccola felce dietro casa. Ogni pianta che nasce viene da noi protetta e ogni pianta che muore viene sostituita. Le foglie cadono e sporcano, è vero, ma di quanti colori godono i nostri occhi durante i cambiamenti che avvengono nelle stagioni.
      Peccato che ci sia gente che vorrebbe cementare tutto quanto e lo abbiamo visto che cosa accade nei luoghi dove il cemento ha sostituito la terra e la natura. Il cemento non assorbe l’acqua e le piogge combinano disastri.
      Ricambio il tuo bacio di cuore e ti auguro la Buona Notte.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...