Cumulonembi, celle e supercelle

Questo agosto pazzoide ha devastato alquanto le zone a noi limitrofe e anche un po’ qui, nel nord della nostra zona.

Si è parlato di “supercelle HP”, in pratica di “cicloni” simili a quelli delle terre dei monsoni, meno violenti, più rari per fortuna.

Il mio paesello è abbastanza fortunato perché si trova in una “bassa”, quasi una conca, e i temporali ci girano intorno andando a sfogarsi altrove; a volte ne becchiamo le code che non sono mai pericolose come il loro culmine.
In questi ultimi anni, però, abbiamo subito anche noi i cambiamenti che hanno causato periodi di siccità alternati a potenti temporali, portati, appunto, dalle “code” delle supercelle nate nei territori di nord-ovest e passate poi a poca distanza da noi.

Nei giorni scorsi abbiamo avuto un temporale “asciutto”, uno di quei temporali ad alta quota, in cui i fulmini corrono da nuvola a nuvola senza scaricarsi a terra, con lampi, tuoni, brontolii, borbottii, tonfi, rotolamenti…e l’impressione che si stia per scatenare il finimondo ma, dopo un po’, il vento si porta via tutto e ritorna la calma.

Scattando foto in continuazione, dalla finestra di casa, sono riuscita a cogliere almeno uno di quei “bagliori”.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/08/temporale.jpg

mie foto

Annunci

Pensieri in libertà

 

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/07/foglia-di-platano.jpg

Stampa calcografica da punta secca su rame
mie opere

Cielo coperto, oggi, breve una brezza leggera accarezza la pelle.

Sussurri e voci lontane, spezzate, rumori ovattati, raggiungono queste stanze vuote e silenti, prima che lo schiamazzo e le urla dei vicini irrompano, senza riguardo, in questa piccola pace.
Un gatto miagola furioso il suo amore momentaneo davanti la siepe del giardino ove dimora un’odorosa gattina. Speriamo gli si conceda prima che faccia notte o il padrone di casa lo prenderà a randellate.

Le statistiche dicono che il reddito annuo pro capite di noi italiani è di trentaduemila euro. Davvero? Ma a chi mi devo rivolgere, quindi, per avere i ventitremila euro che mancano al mio? Anche se, a pensarci bene, un prete una volta aveva detto che noi casalinghe non dovremmo avere diritto a una pensione di reversibilità, visto che non abbiamo fatto nulla, nella nostra vita.
Ricordo la rabbia di mio marito, se non lo avessi fermato gli avrebbe mollato un pugno sul naso. “Tu- gli urlò-tu sei un fannullone che vive a spalle degli altri. Le nostre donne, casalinghe, lavorano più di noi uomini, si curano di noi, dei nostri figli, dei nostri vecchi. Sono attive ventiquattro ore al giorno e sono più utili di te alla società.”
Ho sentito che qualche parlamentare la pensa come quel prete.
Chissà, forse, in futuro le vedove che furono casalinghe andranno a mendicare il loro pane quotidiano, come facevano nel medioevo.

Ho fatto anche stamane il mio dovere, come ogni giorno: ho annaffiato i fiori e qualche pianta, le erbe aromatiche e un po’ di quelle spontanee.
Questo orto-giardino-frutteto ormai è solo la parvenza, l’ectoplasma di ciò che era una volta. Guarda, sta morendo anche il giovane ciliegio piantato tre anni fa, dove c’era l’inserto si è prodotto un fungo, ha invaso il tronco e il ramo. Tanto da due anni di ciliegie qui non se ne sono viste, e non solo nel mio giardino.

Abbiamo raccolto le albicocche dalle quattro piante prima che le cimici e le formiche le devastassero del tutto, erano anche state danneggiate dalla grandine. La grandine ha massacrato anche la povera pianta di carciofo. Niente frutti quest’anno e nemmeno quello stupendo fiore che lasciavo, ultimo, sulla pianta, per goderne il colore intenso e toccare la morbida elasticità della sua “barba” colorata di blu-viola.

Che cosa mi farò per pranzo oggi? Era così divertente cucinare quando la casa era piena, ma questo vuoto, ora, non favorisce il desiderio di manicaretti, il piacere di tavole imbandite, la voglia di passare del tempo a progettar ricette nuove.

Le gazze e le tortore stanno facendo il diavolo a quattro: altri gatti maschi sono venuti a fare la corte alla gattina.
Con questo caldo dovrebbero starsene tranquilli a dormire all’ombra.

A me basterebbe una piscina in cui sguazzare, senza rumori intorno e senza zanzare.

Sfinge testa da morto

In questi giorni ho scoperto un nuovo inquilino nel mio giardino.

Era abbarbicato a un ramo del cespuglio di erba Luisa (verbena odorosa) che si trova agganciata alla ringhiera della scala di accesso alla casa.
Si tratta del bruco che si trasformerà in una farfalla “sfinge testa da morto” forse la farfalla notturna più grossa, dopo la grande “pavonia maggiore” dei saturnidi.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/07/bruco.jpg

bruco
mie foto

Anche il bruco è bello grosso, lungo una dozzina di centimetri circa e grosso più del mio pollice: un bel salsicciotto grasso e robusto, con il classico cornetto degli sfingidi sul posteriore.
L’ho visto brucare le foglie della verbena che sono belle durette e le sue potenti mandibole mi hanno fatto pensare che forse è meglio non disturbarlo, potrebbe mordere anche me senza alcuna fatica.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/07/bruco-e-cavalletta.jpg

una cavalletta in visito al bruco
mie foto

Questa è la prima volta che vedo un bruco così grosso. Era ben mimetizzato dal suo colore giallo verdognolo e, dalla dimensione ormai raggiunta, dovrebbe essere all’ultimo stadio prima di trasformarsi in crisalide. So che non avrò il piacere di fotografare la trasformazione in crisalide e poi in farfalla, perché le sfingidi scavano delle gallerie nel terreno e vi entrano per compiere queste ultime fasi della metamorfosi e poi usciranno di notte come farfalle.

Avevo avuto segnali della sua presenza in questi ultimi mesi: cilindretti neri sui gradini della scala, via via sempre più grossi, tipici degli escrementi dei bruchi, sofferenza in certi rami della pianta con la scomparsa di foglie, un paio di volte delle piccole chiazza di liquido nero consistente sui gradini, quando il bruco mutava, ma, non avendo idea di che cosa cercare mi sono limitata a pulire.

Qualche leggenda narra che questa farfalla sia foriera di disgrazie, io non sono superstiziosa e sinceramente non ci credo.
Ricordo però che quando avevamo le api ne ho trovate alcune mummificate all’interno delle arnie. La “testa da morto” è ghiotta di miele e a volte ne fa scorpacciate tali da impedirle poi di guadagnare l’uscita dall’arnia in modo veloce, così viene assalita dalle api inviperite che la uccidono e la ricoprono di propoli per impedirne la putrefazione.

Cliccando sulle immagini potete ingrandirle e godervi i particolari del bruco.

 

Erbe spontanee

Finalmente la piantina sconosciuta è fiorita. Si tratta di un’ombrellifera alta quasi un metro, di una delicata bellezza ed eleganza, con i fiori dal leggero profumo, visitata da molti insetti. Credo si tratti di una “angelica”.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102234.jpg

Angelica
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102242.jpg

Infiorescenza di angelica
mie foto

Poco lontano ce n’è un’altra più piccola.

 

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102252.jpg

la piantina più piccola (mie foto)

Nel frutteto, il convolvolo sta creando il suo invadente tappeto come l’anno scorso, per la gioia degli occhi e di tutti gli insetti cercatori di nettare.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102342.jpg

Non occorre che lascio ciotole di acqua per api e farfalle: annaffio al mattino presto e gli insetti si nutrono delle gocce d’acqua che rimangono sulle foglie, senza correre il rischio di annegare cadendo nelle ciotole.

Ingrandendo le foto a pieno schermo potrete godere dei particolari e anche vedere un paio di coccinelle innamorate.

2019

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/il-temporale.jpg

Il temporale
olio su tavola
mie opere

Gli ultimi tre anni, 2016, 2017, 2018, sono stati deleteri per la mia famiglia e hanno lasciato segni indelebili.
Speravo che il 2019 potesse essere un anno tranquillo nel quale recuperare un po’ di serenità: in questi primi sei mesi è successo di tutto: fare l’elenco delle malattie gravi, dei morti, degli incidenti con conseguenze serie e a lungo termine che hanno colpito membri della mia famiglia, l’ultimo ieri che ha coinvolto tre persone, sarebbe lungo e inutile.

Non sono superstiziosa, pessimista, fatalista. Il mio realismo mi porta ad analizzare ogni situazione con logica e praticità, ma, se devo essere sincera, sto incominciando a sentirmi sul capo una nube plumbea che deve essersi molto affezionata a tutte le persone che amo.

Ritorno alla natura

Ho lasciato che le erbe spontanee invadessero quella parte del mio giardino che Federico coltivava a orto.
Si tratta di un appezzamento di terreno che si trova lontano dalla strada e che non può infastidire alcuno.
Ci sono erbe che superano abbondantemente il metro di altezza e i loro fiori attirano api e farfalle, bombi e altri insetti utili all’impollinazione e che potrebbero contrastare l’invasione di quelli nocivi.
Molti uccelli becchettano i semi dopo la fioritura e spero che ritornino anche le piccole bisce, qui le chiamiamo “siborbole”, che abitavano anni fa il nostro giardino e con le quali mia figlia giocava accarezzandole e proteggendole.
Il passaggio dalla falce manuale alle falciatrici meccaniche ne ha fatto strage e non ne abbiamo più viste.

Qui di seguito una galleria di immagini di quello che scopro giorno dopo giorno: dalla falsa fragola alla malva, dai punti d’oro ai vari tipi di cicoria selvatica, il papavero ornamentale e l’alchenchengi, la violetta gialla, il trifoglio e le ombrellifere, infine la melissa, la salvia e il rosmarino, la lavanda, l’origano e il timo circondati dall’acanto, residui delle coltivazioni precedenti come i fiori del prezzemolo che attireranno le grandi farfalle macaone e anche qualche piantina che non conosco e che aspetto che fiorisca per capire che cosa sia.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190609_072359.jpg

malva

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190609_072533.jpg

salvia, rosmarino e melissa sullo sfondo

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190609_072702.jpg

lavanda

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190609_072327.jpg

punti d’oro

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190609_072323.jpg

cicoria

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_171111-effects.jpg

origano, timo e acanto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_171034.jpg

violette gialle

 

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170910.jpg

??? aspetto che fiorisca poi spero di capire che cosa è

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170515.jpg

alchenchengi

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170449.jpg

trifoglio e ombrellifere

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170417.jpg

prezzemolo in fiore

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170410.jpg

papavero

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190608_170350.jpg

cicoria

 

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/falsa-fragola.jpg

falsa fragola
mie foto

Vita in campagna 2

Per qualche giorno è piovuto, abbastanza, ma quietamente, senza fare danni.
Oggi è una bella giornata di sole e sono andata in giardino a estirpare i cardi selvatici che stanno invadendo le zone nelle quali dovrò passare il tosaerba.
L’erba è cresciuta parecchio, in alcune zone supera i cinquanta centimetri e ci sono anche molti fiori.

Dopo le viole mammole, ormai tutte sfiorite, ho trovato parecchie macchie di viola silvestre che fiorisce ora ed è più pallida della sua consorella, ci sono anche tantissime viole bianche e un po’ di ciclamini di montagna, pochi per la verità, perché la pioggia è arrivata tardi per la loro fioritura.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/viola-mammola.jpg

viola mammola
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/violetta-silvestre.jpg

violetta silvestre
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/viole-bianche.jpg

viole bianche
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/ciclamini.jpg

ciclamini alpestri
mie foto

Qualche ciuffo di cardamime qua e là dà un piccolo tocco elegante e la fioritura del lamium rosso è ormai alla fine.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/cardamime.jpg

cardamime
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/lamium-rosso.jpg

lamium rosso
mie foto

Anche il rosmarino è fiorito e il ranuncolo di prato ha creato grandi macchie gialle, luminose e allegre.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/rosmarino-fiorito.jpg

rosmarino
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/ranuncolo-dei-prati.jpg

ranuncolo dei prati
mie foto

L’alisso giallo e il trifoglio ornamentale riempiono di colore alcune zone marginali, mentre le pratoline spuntano un po’ dappertutto.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/alisso-giallo.jpg

alisso giallo
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/trifoglio-ornamentale.jpg

trifoglio ornamentale
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/pratoline.jpg

pratoline
mie foto

Quello che però mi ha veramente stupito è stata una piantina alta una spanna con dei fiorellini bianchi strani. Ho scoperto che si tratta di un’orchidea spontanea, di solito vive ai margini di boschi di conifere, si chiama Cefalantera.
Forse è arrivata qui tramite qualche uccellino di passaggio, pare che oltre che per rizoma si sviluppi anche per seme.
L’ho trapiantata in una ciotola per salvaguardarla dalla tosaerba.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/cefalantera.jpg

Cefalantera
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/04/cefalantera-fiori.jpg

Fiori della cefalantera
mie foto

P.S. Cliccando sulle foto potrete ingrandirle.