Il porcospino (riccio)

 

acquerello porcospino

acquerello porcospino

Parecchi anni fa, in una calda serata estiva, mentre stavamo cenando, udimmo lo stridio di una brusca frenata e l’inchiodarsi delle gomme di un’auto. Dalla finestra del soggiorno vedemmo una automobile ferma sulla strada, davanti al nostro cancello e la figura, illuminata dai fari, di un uomo inginocchiato, quasi prostrato, davanti all’auto.
Ci precipitammo fuori per soccorrere il malcapitato, il quale ci spiegò di essersi fermato, così improvvisamente, per non investire un porcospino e che stava cercando, un po’ maldestramente, di toglierlo dalla strada. Il riccio era appallottolato e con gli aculei irti.
Con le mani a coppa lo raccolsi e tornammo in casa. Lo posi su un giornale, in mezzo alla tavola ancora apparecchiata. Avevamo mangiato delle mele e l’odore delle bucce convinse il riccio a guardarsi intorno. Mia figlia gli allungò una fetta di mela e il riccio l’annusò, l’assaggiò, la trovò buona e noi ci divertimmo a guardarlo mentre se la mangiava.
Poi lo portai fuori, dietro casa, nella zona più rustica, dove c’è la legnaia, un grande cespuglio di calicanto e parecchi anfratti nei quali il riccio avrebbe trovato riparo.

Non so se fosse un maschio o una femmina, ma negli anni successivi i porcospini lasciavano tracce nel nostro giardino, cibandosi dei frutti che cadevano dalle piante, di pezzi di pane che noi lasciavamo in giro per loro. Vedemmo spesso, di notte,  qualche riccio adulto e dei piccoli, a spasso nell’orto.

Solo una volta riuscii a vederne uno di giorno e a fotografarlo, proprio davanti a casa, sotto il vecchio fico.

porcospino - riccio

porcospino – riccio
mie foto

In questi ultimi anni non ho più notato la presenza dei ricci, forse sono emigrati altrove.

Però, in questi giorni, rimuovendo alcune pietre nel rustico, ho trovato un pezzo di mandibola di un porcospino, con ancora alcuni denti, consumati dall’uso, segno che la bestiola era campata a lungo. Ho messo il reperto nella scatola in cui conservo i piccoli”tesori” che trovo nel nostro orto, di quando in quando.

 

 

Annunci

Il bruco

 

bruco di macaone

                                                    Bruco di Macaone
                                                            mie foto

Dopo giorni intensi, nei quali ho avuto ospiti, abbiamo festeggiato le Nozze d’Oro  di mio fratello e l’inevitabile stanchezza si è dileguata, abbiamo ripreso le attività quotidiane.

Ho raccolto il prezzemolo per poterlo conservare per il prossimo inverno e ho avuto la sorpresa di “raccogliere” anche un bruco di farfalla macaone, una delle più belle e grandi farfalle della nostra zona.

Non mi era mai capitato di trovarne in questa stagione.
Di solito li trovo in primavera e all’inizio dell’estate.
Quando mia figlia era piccola, li raccoglievamo e li mettevamo in una scatola trasparente, con il coperchio bucato e una bella scorta di foglie di prezzemolo, di carota o di altre ombrellifere e ne seguivamo la crescita, la trasformazione in pupa e poi la meraviglia della metamorfosi in farfalla.
Alla fine, liberavamo la farfalla e la lasciamo volare a cercare fiori dal nettare succulento e altre farfalle della loro specie.

Ho liberato il bruco, portandolo nell’orto dove c’è ancora del prezzemolo. Forse il clima resterà mite abbastanza da permettergli di diventare una magnifica farfalla.

Micetto

Stamane siamo stati svegliati da insistenti miagolii.

Sono uscita in giardino, ancora in pigiama, i miagolii provenivano dalla zona dietro casa, dove c’è il rustico con la legnaia. Ho risposto ai miagolii, chiamando “micio….micio”. Subito mi si è avvicinato un micetto di circa quattro mesi, mi ha annusato i piedi, ha assaggiato il mio alluce destro, si è strofinato alle mie caviglie e ho capito subito che mi aveva eletto a sua proprietà.

micetto1 davanti al basilico

mie foto

Incoraggiandolo mi sono fatta seguire fin sulla porta di casa poi gli ho preparato un po’ di pane e latte tiepido, una ciotola di acqua fresca e gliele ho messe fuori, sul ballatoio.

Era affamato, probabilmente aveva seguito la madre durante una caccia notturna perdendosi qui da noi, oppure è stato addirittura abbandonato da qualcuno che non lo voleva più.

Ho poi sostituito il pane e latte con del riso bollito, mescolato ad un po’ di tonno al naturale e a delle zucchine cotte e schiacciate. Questo cibo lo ha gradito di più.

micetto 2 sul fico

mie foto

E’ un gattino già abituato alla casa e alla presenza umana, socializza volentieri e sembra non avere paura dell’ambiente circostante. Ha adottato come letto e punto di osservazione, il grosso fico che abbiamo davanti al ballatoio della porta di casa.

Credo che rimarrà qui, anche se per il momento non lo farò entrare in casa, nel caso sua madre tornasse a cercarlo.

micetto 3 sdraiato

mie foto

Avrà sempre acqua e cibo a disposizione, vicino alla porta di casa e uscirò a giocare con lui; ha già esplorato tutto il giardino e si arrampica volentieri sulle piante, ci sono anche angolini nei quali può nascondersi e sentirsi al sicuro per schiacciare dei sonnellini senza timore.

Se non verrà nessuno a reclamarlo, e non credo che ci sarà qualcuno interessato a un micetto maschio, pezzato e di razza incerta, resterà con noi fino a che lo vorrà.

Non ho più avuto gatti, dopo la Bucky
https://www.flickr.com/photos/arcobaleno2009/sets/72157622023877730

Forse questo è il momento di ritornare ad occuparmene, accontentando così anche mia figlia che ne sente la mancanza.