Erbe spontanee

Finalmente la piantina sconosciuta è fiorita. Si tratta di un’ombrellifera alta quasi un metro, di una delicata bellezza ed eleganza, con i fiori dal leggero profumo, visitata da molti insetti. Credo si tratti di una “angelica”.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102234.jpg

Angelica
mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102242.jpg

Infiorescenza di angelica
mie foto

Poco lontano ce n’è un’altra più piccola.

 

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102252.jpg

la piantina più piccola (mie foto)

Nel frutteto, il convolvolo sta creando il suo invadente tappeto come l’anno scorso, per la gioia degli occhi e di tutti gli insetti cercatori di nettare.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2019/06/img_20190623_102342.jpg

Non occorre che lascio ciotole di acqua per api e farfalle: annaffio al mattino presto e gli insetti si nutrono delle gocce d’acqua che rimangono sulle foglie, senza correre il rischio di annegare cadendo nelle ciotole.

Ingrandendo le foto a pieno schermo potrete godere dei particolari e anche vedere un paio di coccinelle innamorate.

Annunci

Il convolvolo

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/08/prato-convolvolo-fiorito.jpg

mie foto

 

Oggi è una giornata plumbea e afosa, l’aria è immota, un cane abbaia monotono in lontananza.

Dalla finestra osservo il biancore delle corolle del convolvolo che sta colonizzando tutto lo spazio disponibile. Le corolle si aprono al mattino e accolgono api e farfalle che si nutrono del loro nettare.

Ormai il convolvolo ha occupato quasi tutto il frutteto, ma non si è arrampicato sul tronco degli alberi, ha invece invaso il terreno, serpeggiando e scorrendo in ogni direzione.
Federico non avrebbe mai permesso questa “devastazione”, ma io non riesco a distruggere questo tappeto fiorito che mi allarga il cuore solo al guardarlo.
Anche le piccole api mellifere mi sembrano felici e poi, oltre alle grandi bianche cavolaie ci sono moltissime farfalline azzurre con il retro delle ali di color nocciola screziato di scuro che vanno indisturbate di fiore in fiore. Beh, proprio indisturbate non sono: devono stare attente ai luì, i piccoli veloci uccelli che si cibano di ogni insetto su cui riescono a mettere il becco.