Calli-grafia

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-prima.jpg

mie foto

Quando andavo a scuola la “Bella Scrittura” era ancora materia di studio, con lezioni settimanali e compiti a casa in cui ci esercitavamo a scrivere in corsivo, posato, rotondo, cancelleresco, gotico tedesco detto Frakture e gotico inglese detto Moderno.
Uno strazio!
Avevamo cannucce e vari tipi di pennini adatti a ogni tipo di scrittura: punta sottile, punta quadra, di varie dimensioni. La scrittura era lenta, bisognava fare molta attenzione a non macchiare il quaderno con l’inchiostro e a non macchiare noi stessi. Anche la postura doveva essere regolata: schiena diritta, come se avessimo ingoiato un manico di scopa, le dita: pollice, indice e medio, dovevano tenere la cannuccia in una posizione preordinata e la cannuccia stessa doveva avere una posizione atta alla scrittura.

Ho ancora qualche quaderno di quel tempo con le note a piè pagina, in matita rossa, della mia insegnante:
– Scritto da una zampa di gallina.
– Varrebbe il doppio se fosse scritto meglio.
– Troppa fretta, sembra scrittura demotica.
– Non sei Picasso.

Quando mia nonna mi regalò una penna stilografica che mi permetteva una scrittura più veloce, alla mia insegnante vennero parecchie rughe in fronte, tra le sopracciglia sempre corrugate quando mi guardava con disapprovazione. Figuriamoci se avessi adoperato una penna biro, che però ci era proibita.

Credo sia stata questa frustrazione per la costante disapprovazione che mi ha obbligato a portare avanti, negli anni, la “passione” per la calligrafia. Ho continuato a insistere in quest’arte, collaborando come volontaria per varie associazioni e amministrazioni, scrivendo nomi in bella scrittura su diplomi, pergamene, biglietti vari e anche per me stessa.

Questi sono gli strumenti che ho accumulato negli anni e che uso ancora oggi, quando ne ho l’occasione.

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-f.jpg

le penne – mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-d.jpg

i pennini di scorta – mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-b.jpg

gli inchiostri – mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-a.jpg

Le chine in pasta e le pietre da scrittura – mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-e.jpg

calamai e portapenne – mie foto

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-c.jpg

le stilografiche – mie foto

Ed ecco qualche esempio dalle mie opere:

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-1.jpg


https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-11.jpg?w=450
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-2.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-3.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-7.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-8.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-9.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-4.jpg
https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-5.jpg

Infine, qualche libro sulla calligrafia

https://undentedileone.files.wordpress.com/2018/10/call-g.jpg

mie foto

Le penne d’oca le preparo da me, complici le oche di un contadino nostro amico e la tecnica che si usava nel medioevo per il loro trattamento: aceto bianco e sabbia calda.

Annunci