Al supermercato

 

Alimentari-family-crai-pessinetto-003-899x600

foto presa dal web

Domenica mattina.
Il supermercato in fondo alla via apre alle 8.30. Mi ci fiondo veloce, fa ancora fresco e di sicuro c’è poca gente.
Riempio in fretta il carrello, se rientro subito faccio in tempo a infornare il pollo con le patate, insalata, cetrioli e rapanelli li ho nell’orto e il pranzo è presto fatto.

Arrivo alla cassa, davanti a me c’è una signora della mia età, più o meno, ha un cartoccio dal banco salumi, del pane, ha dimenticato a casa gli occhiali e la cassiera la sta aiutando, frugando nel suo portamonete alla ricerca di spiccioli.

Dietro ho un signore di mezza età dallo sguardo triste, ha in mano due confezioni di gelato, le dita rattrappite, le falangi violacee. Gli sorrido e lo invito ad andare alla cassa prima di me, altrimenti il gelato gli si squaglia, penso. Lui sembra non capire, insisto, così si fa avanti, mentre io incomincio a posizionare la mia merce sul nastro trasportatore. Mi ringrazia, paga e se ne va, sempre con il suo sorriso mesto.

Prima che la cassiera incominci a passare i miei articoli, un tizio abbastanza giovane, in calzoncini, canotta e infradito, mi chiede se può passare anche lui: ha in mano tre bottiglie di birra. Lo lascio passare, paga e si ferma in fondo alla cassa con le sue bottiglie in mano. Mi guarda con occhi un po’ spiritati e sorride mostrando una chiostra di denti da far invidia a un coccodrillo:
“Ma siete tutti di…..?” nomina il mio paesello. Io mi giro e guardo il supermercato: a parte i commessi sembra non esserci più nessuno, forse ci sono due o tre clienti spersi fra le corsie, ma sembrano invisibili.
La cassiera ed io ci guardiamo perplesse, devo avere un grande punto interrogativo stampato sulla faccia, perché lui prosegue: “Io sono di…” e nomina un paese a una quarantina di chilometri da qui, “vengo qui solo a morose”, continua a sorridere e esce con le sue bottiglie in mano.

Me lo dice sempre mia figlia che io me le vado a cercare le persone strane, come quel signore che mi aveva bloccato davanti al banco verdure chiedendomi se gli indicavo quale fosse la “verza”,come se si trattasse di merce esotica e semisconosciuta e che mi raccontò, in dieci minuti, gli ultimi cinquantanni della sua vita, oppure quella signora che mi chiese di aiutarla a trovare i biscotti dei quali non ricordava il nome, il colore della confezione e neppure la forma che avevano, ma che le piacevano tanto. C’è anche una commessa che, ricordando il mestiere che facevo prima di sposarmi, cerca sempre di fare conversazione in tedesco con me, così per fare esercizio, con la gente che ci guarda come se fossimo degli alieni.
Bah, dev’essere la mia bassa statura, la mia placida rotondità, il mio incedere tranquillo e, soprattutto, il mio vacuo sguardo miope che incutono fiducia nel mio prossimo e anche quell’educazione ricevuta da bambina che, ancora oggi, mi impedisce di essere sgarbata anche con le persone più strane che incontro.

 

Annunci

21 pensieri su “Al supermercato

  1. sorrido e penso alle mie code della settimana…..alla cassa del supermercato, finalmente dopo tanto attendere è quasi il mio turno, la giovane signora davanti a me comincia a mettere la merce sul rullo togliendola dal passeggino del figlio, poi la riposiziona nel passeggino man mano che viene passata, la cassiera le da il conto e lei comincia a svuotare il portafoglio e tra carte varie non si ritrova il bancomat, così è costretta a ritirare fuori la merce dal passeggino…ed io aspetto!
    Giorno seguente sono in posta per una bolletta, la fila arriva sin fuori dalla porta, finalmente ci sono! una persona davanti a me, va per pagare e non si trova la carta, oh forse l’ha rimasta mia figlia, prende e se ne va…..ma dico io mentre ti fai mezz’ora di fila preparati il tutto, almeno ti accorgi che ti manca un documento e te ne vai, risparmiando la figuraccia davanti allo sportello…..
    Notte Neda, scusa se mi sono dilungata, ed una buona settimana

    Mi piace

  2. Beh, innanzitutto, grazie al cielo, sono tutti incontri a dimensione ancora umana, non ci sono sgarbi o, peggio, aggressioni o minacce o sgarbi. Nel caso del ragazzo-birra spiritato c’è addirittura una specie di giustificazione per il fatto di non essere del “paese”… poi, evidentemente, come tu stessa dici, tu “ispiri”… -) Tutto a conti fatti, simpatico. Compresi i dialoghi estemporanei in tedesco!
    Nota: ti ho beccata per caso, passando da Letture, deduco che non io non debba più fidarmi della segnalazione via mail.
    Felice notte! E… sempre sereni incontri! 🙂

    Liked by 1 persona

    • Io apro sempre il Lettore, perché il via-mail non esiste più da tempo, almeno nel mio caso, alcuni blog poi li apro direttamente dal mio blog-roll, anche perché non sono di WP e non mi vengono segnalati. Ma che queste piattaforme siano gelose una dell’altra come delle vecchie coppie ammuffite?
      Ciao Guido, ti auguro una bella e serena giornata.

      Liked by 1 persona

    • Buon giorno a te Alessandro.
      Per me oggi è un giorno speciale: compio 69 anni ed entro nei miei 70 che compirò fra un anno esatto. Mi sembra strano avere questa età e sentirmi come se ne avessi meno della metà, anche se riconosco che non sono più attiva come a quel tempo e, anzi, a volte mi diverto ad oziare un po’, cosa che non ho mai avuto occasione di fare nella mia vita precedente a questa.
      Un abbraccio.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...