Un nuovo mondo

volto-con-le-giunchiglie

Pastello e grafite
mie opere

C’era una volta……

No.

Ci sarà un giorno, prossimo venturo, un mondo nuovo.

Ci sarà la parità, l’uguaglianza fra uomini e donne, l’uguaglianza fra tutti gli esseri umani, non ci sarà differenza fra artigiani e professionisti, fra contadini, tecnici, ingegneri, dottori…perché ognuno sarà consapevole che il proprio lavoro sarà di giovamento a tutta la comunità e ognuno lavorerà senza retribuzione, perché il denaro verrà abolito e ognuno avrà accesso ai beni di cui ha bisogno, senza egoismi, senza desiderio di accumulare proprietà.

Non ci saranno più partiti politici, poiché non vi saranno più classi sociali.

Non vi saranno più confini, perché nazioni e città non esisteranno più…

dopo l’ultimo conflitto nucleare che ha coinvolto tutto il mondo

e i superstiti hanno dovuto ricominciare da capo.

Nei villaggi che si stanno ricostruendo tutti lavorano a seconda delle proprie capacità.

Non ci sono poveri o ricchi, tutti gli uomini sono eguali, indipendentemente dal colore della loro pelle, delle loro idee, sono solo “uomini”.

Quanto tempo è passato da quando le bombe sono esplose in tutto il mondo, distruggendo quasi tutto ciò che esisteva, devastando ogni cosa?
Quanti anni, quante generazioni, ci vorranno perché si ritorni ad una parvenza di normalità?

E’ necessario procreare nuove generazioni che tornino a popolare e trasformare ciò che è rimasto di questo nuovo mondo.
Ma il novanta per cento delle donne, ora, muore durante il parto.
Per avere la forza di portare a termine la gravidanza le donne devono rimanere a letto per tutti i nove mesi e quanto tempo ci vorrà perché i geni degli esseri umani tornino ad essere sani?

Le donne si sposano a sedici anni per avere la forza di mettere al mondo almeno un figlio, sperando che almeno il figlio sopravviva, che possa poi generare altri figli, generazione dopo generazione, per poter tornare, chissà quando, ad una umanità di nuovo sana…

sì perché, ora, i sopravvissuti non sono sani, sono stati trasformati in mostri dalle radiazioni del conflitto nucleare, mostri che sopravvivono grazie al fatto che, durante tutte le ore solari, gli scienziati hanno trovato il modo di erogare delle onde ipnotiche che, colpendo il cervello, impediscono che gli esseri umani si vedano come essi esattamente sono.

Durante il giorno, gli esseri umani, grazie a queste onde ipnotiche, vedono un mondo perfetto intorno a loro, tutti gli uomini, le donne, i ragazzi, le ragazze, sono perfetti, sani, belli, forti e felici, circondati da un ambiente naturale perfetto, piacevole e rilassante.

Dall’alba al tramonto.

Poi le onde ipnotiche devono essere interrotte, per non danneggiare il cervello che deve riposare.
Al tramonto la sirena avverte tutti di ritirarsi nelle proprie abitazioni, un coprifuoco che tutti si affrettano a rispettare, perché hanno paura perfino della propria stessa immagine riflessa in uno specchio. Si ritirano in silenzio, si nascondono a se stessi e agli altri, in attesa che il sonno impedisca loro di uccidersi o di uccidere l’altro.

Annunci

34 pensieri su “Un nuovo mondo

    • Tu sei medico e conosci i danni prodotti dalle radiazioni. Io conosco la Svizzera e ho visto qualcuno di quei rifugi-bunker sotto a qualche abitazione e ai condomini, con le scorte di cibi in scatola e generi di prima necessità che vengono rinnovati ogni 5 anni…..credo di non essere molto lontana dall’immaginare che cosa sarebbe il post-conflitto nucleare. Io spero di “andarmene” prima che ciò accada, comunque, di non sopravvivere.

      Liked by 1 persona

      • Purtroppo l’Europa è già finita, defunta e la mia non è una visione pessimistica, ma realistica. Si è tentato di fare l’Europa Unita, ma non si è riusciti a fare gli Europei, non tanto in quanto popolo, ma proprio a causa dei politici, arruffoni, egoisti, nazionalisti e abbastanza corrotti.
        Una politica economica fatta da idioti che per portare acqua al proprio mulino hanno distrutto le economie delle nazioni più deboli e per tenersi buoni i nuovi arrivati, parlo dell’est europeo, li hanno foraggiati fin troppo e ne stiamo vedendo ora i risultati.
        Il problema futuro, che rimanga o no il fantasma di questa UE, sarà una devastante recessione per le nazioni del sud dell’Europa, non ci si scappa.
        E su tutto ciò, il terrorismo già dilagante, perché gli scontenti di seconda e terza generazione degli immigrati li abbiamo già in casa.
        Io appartengo a nessun partito, la mia idea politica, utopistica forse, è quella in cui lo Stato è al servizio della comunità e del benessere del cittadino e nel quale i cittadini rispettano le regole, non sono mai stata razzista e ho sempre rispettato, e rispetto, le idee altrui. Mi pare però che questo nostro mondo si trovi, più o meno, nella situazione in cui si era trovato dopo la crisi del 1929 che ha portato alle conseguenze che noi tutti ben conosciamo.

        Mi piace

      • Gli europei lo hanno capito, sono i governanti che non lo capiscono a causa dei loro interessi “privati” e politici. Ormai, facciamocene una ragione, la politica è solo business, intrallazzo e interesse privato (non se ne salva uno) in cui la malavita di ogni tipo e di ogni nazione ha i suoi infiltrati e i suoi interessi. Un partito simbolo è proprio quello dei 5 stelle, in cui gli interessi della Casaleggio Associati giocano sull’ingenuità e la poca preparazione dei giovani iscritti, idealisti all’inizio, consapevoli e interessati poi, Raggi docet. Nazioni come la Russia dove la fanno da padroni politici corrotti e mafie internazionali in una parvenza di ordine militarizzato, comunque. E gli USA, dove l’interesse privato e una corsa sfrenata al consumismo hanno cambiato tutte le regole del gioco al punto da degenerare in un Trump: credevo che Berlusconi fosse stato una nostra anomalia, ma anche Renzi non è stato da meno e Trump mi fa pensare ad un futuro in cui torneremo all’imperialismo di alcuni egocentrici paranoici, come nella Corea del Nord.
        Qual’ è il risultato di questa nuova Europa che è fallita prima di diventare maggiorenne? L’economia ai minimi storici, stipendi astronomici per dirigenti, pubblici e privati, per tutti i parlamentari, sia nazionali che europei, spese inutili ed oscene per mantenere due parlamenti a Bruxelles e a Strasburgo, idiozia totale che ci costa TIR di euro. Una moneta comune che ha danneggiato tutti invece di semplificare. Leggi adatte ad alcune nazioni ma più che dannose per altre.
        Perdita di wellfare nelle nazioni che erano più progredite e una burocrazia bizantina che scombussola chiunque.
        La classe media, che in Italia era quella che teneva in piedi la nazione, sta boccheggiando senza più ossigeno.
        Cui prodest? Solo a chi fa il mestiere del politico e a tutti gli accoliti che ha intorno. Infatti, gli stipendi di tutti gli altri lavoratori sono calati, le pensioni sono da fame, i giovani non trovano lavoro, le aziende, che non sono decentrate, assumono in nero o con i voucher, i professionisti aspettano mesi per essere pagati, i servizi pubblici sono a livello di zona equatoriale o desertica. Le tasse, in Italia, dirette e indirette, hanno raggiunto il 67% del guadagno, calcolo non preso dalle statistiche ma dai miei conti di casa, di casalinga moglie di un operaio in pensione. E, a sentire alcuni amici che ho in Germania, Olanda e Inghilterra, non è che in questi paesi se la passino meglio.
        Se i governanti dell’UE avessero un minimo di buon senso e un po’ di umiltà, dovrebbero prendere esempio dalla Svezia. Fa parte dell’UE ma non è nell’euro, ha rivisto le proprie posizioni cambiando rotta e puntando sullo sviluppo nazionale. Certo, hanno meno di 10 milioni di abitanti e, magari, un po’ più di buonsenso nella zucca.

        Mi piace

      • Ti rispondo che la tua visione fatta di triste realtà mi fa pensare che non ci sia più nulla da fare.
        Ma dato che non si può soccombere così, mi giro leggermente e comincio sorridendo e dicendo che il tuo “pastello e grafite” è molto bello. È un autoritratto?
        Ciao.
        Quarc

        Liked by 1 persona

      • Cerco anche io di non pensarci troppo, perciò ho ripreso a dipingere: ho intenzione di preparare la mia prima mostra personale per festeggiare i miei 70 anni che compirò nel 2018.

        No, non è il mio ritratto è solo un disegno fatto tempo fa per “rifarmi la mano” dopo mesi di altre cose. Non sempre ho voglia o tempo per dedicarmi a questo passatempo.

        Mi piace

  1. Nei giovani dovrebbe trasparire fiducia e positività per gli anni a venire e provo tristezza nel vedere minate le loro aspettative. Come te nutro la speranza che qualcosa di buono possa ancora accadere!
    Un abbraccio cara Neda ♥

    Liked by 1 persona

  2. Io sono ottimista di carattere ma il mondo nuovo è ancora lontano dal realizzarsi, se mai si realizzerà.
    Però confesso che mi rimane la consolazione do poter godere dei tuoi dipinti. Me li sto godendo uno ad uno specialmente quelli l’etichetta “Pastelli”. Sarà perchè mi piacciono molto i colori. Quello “omaggio a Renoir” è stupendo come i visi delle donne perfetti.
    Quando farai la mostra avvertici. Farò i salti mortali per esserci e vederli dal vivo. Grazie, abbraccio forte forte.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...