Noi (1977)

gerard-philippe

grafite su carta
mie opere

 

Noi
che prendiamo pane
al supermercato e sapienza
un tanto al metro quadro
nelle biblioteche
e amore
nei cinema del sesso,
che crediamo alla TV
alle chiacchiere dei quotidiani,
ai dogmi del sindacato
alla legge del successo.

Noi
che giochiamo
coi razzi per la luna
e imponiamo ad altri
le nostre idee e i costumi:
abbiamo calpestato tutto
e poi distrutto
e devastato e ucciso
per quello che chiamiam benessere
per quello che chiamiam progresso.

Annunci

24 pensieri su “Noi (1977)

  1. Bhe ma io non sono mica tanto della stessa idea!
    Io compro pane dal panettiere,
    in biblioteca vado a cercare cose che ho già deciso che mi interessano,
    Il cinema del sesso non saprei nemmeno cosa vuol dire,
    La tv non l’ho avuta per 20 anni e ho perso l’abitudine di guardarla,
    Non credo a una sillaba di quel che dice la tv e non credo nemmeno ai quotidiani
    il sindacato l’ho mandato al diavolo 100 anni fa’ e del successo non me ne frega un piffero.
    E non voglio importare da altri caciuffe e veli e porcherie varie.
    Ma soprattutto non voglio sentir parlare di culture.
    Il benessere l’abbiamo avuto e non siamo stati capaci di preservarlo per i nostri figli.
    Il progresso mi sconvolge, nessuna connessione col cervello, solo sinapsi telefoniche!

    Liked by 1 persona

    • Al momento aspetto che ci sia qualcun altro a proporli, per partecipare anche io.
      In questo periodo sono occupata con rinnovo di guardaroba di casa, abiti da cucire per mia figlia e abbigliamento da rattoppare per mio marito che distrugge cerniere, perde bottoni e balle varie.
      Ciao, buona giornata.

      Mi piace

  2. Chi è la persona raffigurata nel tuo bel disegno ???
    Ps : mi sono rotto i coglioni ( scusami, eh ? Per il linguaggio non proprio forbito … ) con chi dice e scrive che NON abbiamo saputo conservare, “anche” per le future generazioni, quel benessere e quelle facilitazioni di cui abbiamo fruito noi ! Trattasi di una enorme minchiata, mia @Nedina …. per i seguenti motivi :
    1) abbiamo mandato i giovani all’ Università pagando la retta dovuta, ma se non ci fosse stata quella facilitazione introdotta negli studi e avessimo dovuto pagare, per ogni singolo Docente, la tariffa, non ce lo saremmo potuto permettere, con GRAN DANNO per la nostra e per le altre generazioni ;
    2) ai giovani ( e ai nostri figli … ) forniamo acqua ed energia elettrica pagando noi stessi “prezzi politici”, e cioè assai lontani dal valore di questi prodotti necessari ai giovani per vivere, studiare, giocare, chattare etc. etc, ;
    3) mettiamo a loro disposizione cibo, vestiario, libri, piccì, cellulari, motorini, automobili senza che essi caccino il becco di un quattrino … etc. etc, e potrei continuare all’ infinito !
    E dunque ???
    Che ca@@o si vuole ancora dalla nostra generazione, che nacque sulle rovine di un’ orrida guerra mondiale, che conobbe i forni crematori, ed una miseria che le attuali generazioni nemmeno possono immaginare ???
    Ma la retorica piagnona insiste su questa lagna generazionale … e allora sai che dico, @Nedì ??? Andate tutti e tutte a quel paese e, possibilmente, restateci ! 👿

    Liked by 1 persona

    • Bruno, se tu avessi letto con attenzione, ti saresti accorto che quella poesia fu scritta nel lontano 1977, te la ricordi quell’epoca là? Io ero giovane, molto giovane…..
      – in risposta al tuo sproloquio finale guardati un po’ questa:
      https://undentedileone.wordpress.com/2015/01/17/sacrifici/

      e terzo, il ritratto è quello di Gérard Philipe, stupendo attore, morto troppo giovane. Avevo fatto questo ritratto a quei tempi ed era nella mia cameretta di ragazzotta campagnola.
      Passata la buriana? ti aveva morso una tarantola o sei caduto da cavallo?

      Mi piace

  3. No … nessuna buriana mi doveva passare, il fatto è che davvero mi hanno scassato le palle i PIAGNONI DELLA RETORICA GENERAZIONALE ! 👿
    Che si diano da fare “questi giovani” che mai hanno conosciuto gli orrori della guerra, questi giovani viziati che, da noi genitori che patimmo la fame, vogliono tutto e vogliono il meglio … e che schiodino le chiappe dai loro giochi scemi e si diano da fare, onde lasciare, da parte loro, ai futuri giovani almeno qualcosa di quel che essi ebbero da noi !

    Liked by 1 persona

    • Mio caro Cavaliere, dipende da come sono stati allevati, non credi?
      A quelli a cui è stato dato tutto, togliendo loro ogni fastidio, ogni paura, ogni necessità di usare le mani e la testa per ottenere ciò di cui avevano bisogno, credi davvero che sarebbero così idioti da non continuare a farsi servire?
      Dipende da come sono stati allevati.
      E’ stato dato loro tutto, troppo, di più, ora sanno solo chiedere e continuano ad ottenere.

      Mi piace

  4. VERUM EST … mia cara ! 😦
    Ps. : il ritratto di @Gerard Philip ( un Attore, un Uomo che ho letteralmente adorato ) è SOMIGLIANTISSIMO !
    Ti consiglio di leggere quello struggente libretto che sua Moglie ebbe a scrivere sulla brevissima vita del Marito, e che si intitola BREVE COME UN RESPIRO !

    Liked by 1 persona

  5. Un bacio a te, @Nedy mia …. ed un abbraccio al bellissimo, emozionante libro BREVE COME UN SOSPIRO : ti piacerà immensamente, lo so … e verserai una lacrima per quella vita del Grande Attore spezzata a 37 anni, quando gli era, probabilmente, il più grande Attore del Mondo di Cinema e Teatro !
    Oggi @Gerard riposa, avvolto nel costume del CID di @Racine ( l’ Eroe che aveva interpretato più volte quando era l’ Attore Principe del Teatro Nazionale Francese ), nella Tomba presso Le Cimetière de Ramatuelle, Ramatuelle, Francia .

    Liked by 1 persona

    • Ciao Cavaliere, ora men vò a rattoppar casacche e pantaloni, a rammendar calzini e camiciole.
      Mia figlia aspetta che un vestito di broccato nero le cucia immantinente, l’ho già tagliato, grazie al Burda, imbastito e ancor provato, calza a pennello, sarà presto pronto.
      Ah, se Leonardo, donna fosse stato, nulla del suo sapere avremmo mai saputo.
      Che ci vuoi fare, noi Donne, siam tuttofare e ciò ci basta, a quanto pare.

      Mi piace

  6. Si … voi donne siete tuttofare
    e ciò sembra vi basti a quanto pare !
    Dai calzini bucate ai bucatini
    voi siete Fate per grandi e per piccini ! 🙂
    E ammetto poi che Tu massimamente
    dai ricami agli stracci te la cavi bene,
    se col tuo far mantieni via le pene
    e fai entrar l’ amor speditamente !
    Che dirti allor, o mia factotum @Nedy ???
    Io ti darìa un baciòn … se me lo chiedi ! 😀

    Liked by 1 persona

    • E dammelo, mio Cavalier,
      mandamelo col vento
      che il tuo desio mi porti
      e ch’io ricambio,
      perché di sogni
      noi viviamo in vita.
      Senza la poesia d’un bel incanto,
      d’una dolce fiaba, d’un sospiro,
      d’un chimerico desiderio
      inattuabile, che sarebbe la vita?
      Di sogni si ciba l’animo nostro,
      noi umani non siam come le bestie.
      Ed or, mio Cavalier, torno al terreno,
      vado a pulire il bagno, rifare il letto,
      lavare il pavimento e cucinare:
      coniglio con polenta, insalata gentile,
      poi frutta fresca, del rosso un buon bicchiere
      e qualche noce che il mio Bene adora.
      A te rimando il bacio, virtuale s’intende,
      augurando buon vento al tuo prode destier!

      Mi piace

  7. Ma quante cose, stai facendo … o @Nedy,
    e rammendar mutande e lavar piatti,
    e ramazzar la casa, e cibar gatti,
    e risanarne zampe, orecchie e piedi !
    Non sono troppe le cose che Tu fai ???
    E a riposarti … non ci pensi mai ???
    Di fronte a tanto zelo … io riverisco,
    ed ecco il bacio mio che ti spedisco !!!

    🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...